Licenza Creative CommonsProtected by Copyscape Web Copyright Protection Software

l'albero fecondo di Eugenio Guarini

Albero fecondo

9 agosto 2016


All material on this website is protected by copyright, This website also contains material copyrighted by 3rd parties.

Motore di ricerca interno del sito



Licenza Creative Commons
Albero fecondo diEugenio Guarini e Anna Abbiate Fubini è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://eugenioguarini.it/2008/07/albero-fecondo/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso http://www.thrivingandhome.com/alberofecondo.htm

Guarini Newsletter  www.eugenioguarini.it

L’albero fecondo.

Una splendida giornata.
Oggi è l’estate che conosciamo da sempre. Straordinariamente luminosa e con un orizzonte che non finisce più. E io ho già dimenticato l’incidente di percorso di sabato, e mi ritrovo con una miniera in corpo. E capisco meglio dove mi porta la spinta che mi abita.
Io sono ossessionato dall’espressione. Io vedo il mondo sotto forma di espressione. L’espressione è qualcosa che ha una sua storia segreta e profonda che merita cura e attenzione, è un’avventura che ci conquistiamo gradualmente, lavorando su di noi, lottando anche, e indovinando intelligentemente le forze su cui contare.

Ha un percorso di profondità.
Diciamolo in questo modo: è come se tra il nucleo profondo dove radicano le radici dell’io e la buccia della pelle ci sia uno spazio denso ed esteso da percorrere e attraversare, affinché la sorgente trovi una strada, si dia una forma, rappresenti se stessa in qualcosa di visibile, che possa funzionare da segnale, da segno, da parola.
E questo stesso processo, uscendo dalla pelle, si faccia energia e forza costruttiva, capace di dare forma alla materia, di mettere al mondo, di realizzare qualcosa.
Ed è come se solo costruendo Qualcosa tu ti realizzi come Qualcuno. Perché questo qualcosa è come l’immagine di te nello specchio del mondo: l’espressione, la rappresentazione del seme che tu sei.
Ognuno ha il suo talento. Soprattutto, ognuno ha il suo richiamo. Ed è la cura che mettiamo nella ricerca di ciò che siamo, e del modo di coltivarlo e farlo crescere e fruttificare, che sostanzia la nostra storia. Quello, io penso, è il filo rosso che consente la narrazione di noi stessi.
Io ho trovato un’immagine ingenua e innocente di questo pensiero in un quadro che ho fatto quasi 5 anni fa e che ho considerato per molto tempo una sorta di autoritratto. È l’albero fecondo che allego a questa newsletter. Nella sua semplicità, consente anche a me di mettere a fuoco ciò che considero la mia vocazione più profonda. Qualcosa che giustifica un’esistenza.
   

Sogno una pittura che vada incontro al futuro, nella libertà interiore, dotata di grande energia, e fedele alla Bellezza.
(Vedine la citazione in Infanzia: tempo di mutamenti e Imbroglio è il contrario di sviluppo)
Newsletter del 10/07/2008

Mettere aria nelle cose

Mi sveglio alle tre e mezzo. Ho dentro una certa musica.
E un’espressione che ho sentito da Renzo Piano: mettere aria nelle cose.
Vorrei saper suonare, comporre sinfonie. So niente di musica. Troppo poco! Ma non demordo. Provo a fare musica con le parole. Mentre studio. Non dovrebbe essere impossibile. Le parole sono sonore. Si battono su una tastiera. Le parole si sentono. In qualche modo, cantano.
Un metodo, una tecnica? Un modo di procedere che produca un testo musicale, molto musicale? Che so io?… So che nei momenti di ispirazione ci scivolo dentro senza pensarci. Viene da sé.
E in qualche modo è all’ispirazione che voglio andare incontro. Parola difficile. Impossibile perfino a pronunciarsi. Però contiene un rimando a qualcosa di etereo, di aeriforme. Corrisponde a ciò che mi ha catturato nell’espressione citata: mettere aria nelle cose. Mettere aria nella vita. Renderla leggera. In maniera che possa volare.
Cos’è un’ “aria” in musica?
Per molte persone il senso della vita non è pesante. Al contrario. È un sentire leggero. Come un lievito che solleva la pasta del mondo, la rende parente del cielo.
E una colonna sonora non avvolge le azioni, non le contiene, non le incarta: le solleva.
E so che mi domando da sempre come si fa a rendere musicale il lavoro, a renderlo leggero, a farne poesia, un’aria?
Mettere aria nelle cose: è il richiamo. Lo stimolo. Una metafora? Qualcosa che si sente. Ascoltando.
Se è una musica quella che cerco, è l’arte dell’ascolto che devo sviluppare.
Come quel ragazzino de La musica nel cuore.
Ascoltare la musica e seguirla.

Qualcosa di forte, qui vicino

.... Il concetto di transizione sembra avere una certa pertinenza con una versione meno rosea, che sostanzialmente mette l’accento sul concetto di vecchiaia.
I periodi di TRANSIZIONE sono aumentati nella nostra vita. Nel lavoro sembra più evidente. Ma anche nella vita privata. Dove ci sono i divorzi, i nuovi matrimoni, ma anche i passaggi a diversi approcci alla vita, una sorta di cambio di filosofie ESISTENZIALI. Sai? Quando ti ribadisci in testa nuovi principi, che apparentemente sono il contrario di quel che ti sei detto fino a qualche tempo fa.
Il punto è che i periodi di transizione – sempre più numerosi e lunghi – sono periodi per cui non siamo tanto attrezzati a viverli. Sai? Quando ti ribadisci in testa nuovi principi, che apparentemente sono il contrario di quel che ti sei detto fino a qualche tempo fa.
Noi, per lo più, pensiamo alle CRISI come a periodi dolorosi e brevi. Devono essere brevi! Se ne esce con una decisione, un atto di volontà, una reazione energica. C’è una sorta di etica che dice, nella crisi: reagisci, volontà, decidi e parti di nuovo!
Ma c’è un’altra etica, forse più profonda, che afferma: aspetta, ascolta, non avere fretta, decidi solo quando senti che la cosa è maturata dentro. Questo – la crisi – è il momento dell’ascolto, per una maggiore conoscenza di te. Un decisione affrettata equivale a una fuga. Qualcosa di forte, qui vicino indica sicuramente qualcosa che sento, che è qui, ma che ancora non riesco a vedere.
E' un momento di transizione.


Commento.

Piccolo commento e domanda "professionale anamnestici":
 "alle tre e mezza"?
Se ci sveglia a qualsiasi ora comprese le tre e mezza di notte con ... una musica dentro, non importa "quale" musica, basta che risuoni come impellente, e non ci si alza a "suonarla" in qualche maniera: ecco allora scoppiare il mal di testa, magari la famosa terribile "cefalea a grappolo".
E mi piacciono anche parole come "ispirazione" che sta "da sola" ma nel suo modo "aereo" può far compagnia al "socievole" "affiatamento".
Non posso soffrire le persone che vivono "d'aria", che masticano "aria fritta", che non conoscono e disprezzano le "cose" e ancor peggio i fatti veri e quindi gli esseri viventi in quanto "veri".
E invece che bello è il mettere aria nelle cose che anzi le VALORIZZA!

La natura umana paragonata agli alberi? Gli sviluppi succcessivi e le nascoste iniziali basi portanti da cui traggono nutrimento e sostegno?

triste crollo di un gigante

Triste crollo di un gigante: era alto decine di metri, aveva un robusto tronco cresciuto per tanti anni: sembrava bello e rigoglioso...
Ma ben misero e precario sostegno gli davano le sue inadeguate radici!
misere radici


IMBROGLIO E' IL CONTRARIO DI SVILUPPO.Da: 'La violenza contro il bambino' a 'Tempo di mutamenti' e 'La meglio gioventù'

Consapevolezza e memoria

Cosa ho in comune io con gli schiavi? Piero, Ada e la scuola della libertà
 
Che cos'è il 'lavoro emozionale'?

L'importanza dei ricordi, delle emozioni e delle idee sul futuro

Opinioni, fatti, accuse / Opinion, fact, complaint

da confrontare con: 
Basta un poco di zucchero e la pillola va giù...
 
TOTEM AND TABOO REVISITED: awful and  fertile rise of new superstitions
 
... dagli adulti di oggi agli adulti di domani...,
 
Presentazione
 
Basi teoriche...
 
INFANZIA: tempo di mutamenti
 
Dalla famiglia preistorica alla famiglia utopistica

LE FACCENDE DOMESTICHE.Ergonomia e psicologia di un VERO lavoro

Sublimazioni

Cortina Torino
Via Ormea 69 10125 Torino (ITALY) Tel/Phone: 0039 0116507074 / 00390116505228
Fax: 00390116502900
giuliana@cortinalibri.it valentina@cortinalibri.it, marco@cortinalibri.it

Per seguire gli aggiornamenti dl sito i vari file verranno vi via stampati raggruppati in libretti tematici: ultimo capitolo di TUTTI i nuovi libretti è il file in cui si compendiano ma anche si sottolineano le basi essenziali di impostazione metodologica e culturale
Considerazioni e conclusioni
Dopo la pubblicazione dei libri aggiornamenti sono già iniziati e molti altri ne verrano fatti segnalati di volta in volta nel nuovo file Aggiornamenti e novità / Novelties on the site: anche se si consiglia di considerare ancora con attenzione le più importanti passate modifiche.
Dopo la pubblicazione dei libri - italiano e inglese - gli aggiornamenti sono già iniziati e molti altri ne verrano fatti: questo file Aggiornamenti e novità li ELENCA di volta in volta - con in testa il più recente - seguendo soprattutto le variazioni concrete dei file rinnovati: per novità di contenuto ma anche per risistemazione dello stile e riorganizzazione dei paragrafi e illustrazioni. Ma se nell'elenco  non verranno presentati quelli semplicemente corretti nei link non più attivi, si consiglia di considerare ancora con attenzione le più importanti passate modifiche che man mano si stanno spostando in coda nell'elenco. Ad ogn modo ogni immagine che proponiamo si costituisce anche come link: e come per ogni altro link, le immagini vengono di continuo monitorate e aggiornate.
Ma intanto gli aggiornamenti necessari continuano ad essere praticamente incessanti per cui rendono via via ... quasi "obsoleto" il testo pubblicato. Il sito può seguire e temporaneamente integrare queste innovazioni ed è appunto predisposto a questo scopo, ma così si amplia in modo eccedente le dimensioni di un solo volume: alcuni file - già pubblicati come capitoli del libro ENCICLOPEDICO sono in via di venir pubblicati AGGIORNATI in una nuova veste editoriale: come volumetti TEMATICI di un centinaio di pagine ciascuno  contenenti per singoli agomenti i capitoli ormai superati del libro Bambini di IERI= Adulti di oggi. Adulti di oggi-> Adulti di DOMANI
Il nuovo file Considerazioni e conclusioni / To complete and to outline per l'importanza dei suoi apporti teorici sarà l'ultimo capitolo di tutti i nuovi libretti. Il primo di questi "libretti tematici" è Infanzia:un-mestiere-difficilissimo , il secondo in ordine di tempo - non di contenuto - è Consapevolezza e memoria con file/capitoli molto AGGIORNATI sia in html che in pdf raggiungibili in rete: ESPERIMENTI SU BAMBINE/I  a Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita?, Quando la cartella clinica è terapeutica... Dare ai ricordi una specie di seconda vita?, Medicina: scienza applicata e multidisciplinare: Emozioni, istinti, ricordi, contraddizioni ed anche allo stesso Consapevolezza e memoria Il terzo volume - che sarebbe secondo in ordine logico non cronologico - è La casa e i suoi abitanti: dal concreto al sublimato, dalle fasi di sviluppo dei bambini agli impegni dei "grandi". Antitetico a questo l'ultimo in preparazione: Controversie e ripensamenti.

Nota: il file o i file file suddetti potranno essere duplicati o riprodotti su supporti elettronici, cartacei o di qualsiasi altro tipo e distribuiti liberamente, a due condizioni.
1) Il libro, qualsiasi sia il supporto, dovrà essere assolutamente integro e completo sia nel testo che nella grafica; ogni modifica, soppressione, aggiunta di qualsiasi tipo faranno decadere il permesso di duplicazione e faranno automaticamente ricadere nei reati previsti a tutela del diritto di autore.
2) L'eventuale distribuzione dei duplicati, qualsiasi sia il supporto, dovrà essere fatta esclusivamente a titolo gratuito. Eventuali operazioni commerciali dovranno essere concordate con l'autore.



Peacock Media: Easily find your website's broken links.Online Broken Link Checker


Tutti i links sia interni che esterni sono costantemente monitorati.

As every other file of this site, the review of links is continually checked